(Every Brilliant Thing)
di Duncan Macmillan e Jonny Donahoe
traduzione di Monica Nappo
regia Monica Nappo
con Carlo De Ruggieri


Note

Quando sei bimbo e i grandi fanno cose che tu non capisci tanto, provi a domandare loro che sta succedendo, ed eventualmente, a dare il tuo aiuto.
In alcuni casi puoi scoprire che il tuo aiuto e il tuo modo di reagire restano invariati dopo venti anni. Ogni cosa bellissima parla proprio di questo.
Di una persona che parla di quando da bambino sia stato costretto a chiedersi cosa fosse questa cosa chiamata morte, cosa volesse dire la frase “Mamma è depressa”.
Neanche il papà sa rispondere, e quindi il bimbo inizia una lista di tutte le cose bellissime che ci sono attorno a noi e che sono un buon motivo per vivere e svegliarsi con il sorriso.
Questa storia può accadere ovunque nel mondo, perché è ovunque nel mondo che accadono queste storie.
Duncan Macmillan ci racconta qualcosa che è un po’ la sua vita ma è un po’ la vita di tanti di noi, e così facendo inizia a costruire un mondo sotto i nostri occhi dove il teatro è un gioco per bambini alla sua massima potenza. E allora tutti possono diventare parte della storia, giocare per pochissimo tempo alcuni personaggi con noi, allora una giacca può diventare un cane e una lista di bellissime cose può ricomparire dopo 20 anni magicamente da una scatola, quando ormai sei un adulto. E quella lista può essere lo stesso viatico di luce che fu quand’eri bambino, perché le cose bellissime che ci circondano ci sono ancora. Anzi, ora sei più grande e la lista può solo essere più lunga.
Ed il testo ci dice proprio questo, che il teatro non ha bisogno di molto, come I giochi dei bambini e che il nostro modo di vedere la vita fatto di ironia e malinconia non ha bisogno di effetti speciali per dipanarsi o di particolari qualità, ma solo di un luogo dove degli esseri umani decidono di volersi incontrare.
Every Brilliant Thing è stato definito dal Guardian un monologo interattivo, e là dove l’argomento potrebbe sembrare la depressione e il suicidio, lo spettacolo diventa invece, affrontando questi temi, un gioioso, unico, potente inno alla vita.
Duncan Macmillan è un iperpremiato drammaturgo e regista inglese, noto per la sua interessante produzione che include “Lungs” (diretto da Katie Mitchell e nel repertorio del Teatro Nazionale di Berlino) “People”, “Places and Things”, gli adattamenti del romanzo “1984” di George Orwell e del “Don Giovanni ritorna dalla guerra” di Ödön von Horváth ed “Every Brilliant Thing” che, ad Edimburgo, ha registrato grande successo per due anni consecutivi, arrivando finora a più di 500 rappresentazioni in tutto il Regno Unito.
Monica Nappo


Tournée

26 GENNAIO 2018| MATERA | STAGIONE TEATRALE 2018/19 TEATRI UNITI DI BASILICATA – CASA CAVA
14 LUGLIO 2018 | CORATO (BA) | FESTIVAL VERSO SUD LARGHETTO SANTA MARIA GRECA
13 SETTEMBRE 2018 | VITORCHIANO (VI) | FESTIVAL QUARTIERI DELL’ARTE COMPLESSO S. AGNESE
DAL 18 AL 26 SETTEMBRE 2018 | ROMA | TEATRO ELISEO FOYER STAGIONE 2018/19
28 SETTEMBRE 2018 | ANDRIA | FESTIVAL INTERNAZIONALE CASTEL DEI MONDI PALAZZO DUCALE
23/24 FEBBRAIO 2018 | NAPOLI | TEATRO NEST STAGIONE 2018/19
DAL 26 FEBBRAIO AL 03 MARZO 2019 | MILANO | TEATRO DELL’ELFO STAGIONE 2018/19
13/14 APRILE 2019 | MESSINA | CLAN OFF STAGIONE 2018/19
12 MAGGIO 2019 | VITTORIA (RG) | SCENICA FESTIVAL  2019 SALA DELLE CAPRIATE
2 GIUGNO 2019 | CAGLIARI | FESTIVAL FAMILY WO.MEN 2019 TEATRO EXART
21 NOVEMBRE 2019 | MONOPOLI (BA) | TEATRO MARIELLA STAGIONE 2019/20
22 NOVEMBRE 2019 | PUTIGNANO (BA) | AUDITORIUM DEL BUFALO STAGIONE 2019/20
23 NOVEMBRE 2019 | BISCEGLIE (Barletta-Andria-Trani) | SEGHERIE MASTROTOTARO STAGIONE 2019/20
24 NOVEMBRE 2019 | LATERZA (BA) | TEATRO LAB STAGIONE 2019/20
7 DICEMBRE 2019 | L’AQUILA | SPAZIO RIMEDIATO STAGIONE 2019/20
14 DICEMBRE 2019 | ASPARETTO (VR) | TEATRO DI ASPARETTO STAGIONE 2019/20
10 GENNAIO 2020 | ASSISI | PICCOLO TEATRO DEGLI INSTABILI STAGIONE 2019/20
2 FEBBARIO 2020 | VITTORIA (RG) | SALA DELLE CAPRIATE STAGIONE 2019/20


Trailer

Galleria

Rassegna Stampa

Maria Cristina Maggi, Repubblica – Parma

[…] Il protagonista dello spettacolo, in scena fino a domenica al Teatro Due, con un’ottima traduzione e regia di Monica Nappo, ripercorre infatti la sua vita attraverso i fallimentari (e non) tentativi di suicidio della madre. Al centro del pubblico disposto circolarmente, solo con uno sgabello e tutta un a vita da raccontare, un intenso, bravo, convincente Carlo De Ruggieri, in un contagioso ed emozionale gioco di teatro nel teatro. […]

leggi la recensione completa


Stefania di Ponzo, mediaesipario.it

[…] “Every brilliant thing” è un testo del drammaturgo britannico Duncan Macmillan, scritto con Jonny Donahoe, già rappresentato con grande successo in Europa e in America. Arriva in Italia grazie alla curata traduzione – e regia – di Monica Nappo, che ha cercato di riprodurre la stessa leggerezza, lo stesso garbo e la stessa sensibilità del testo inglese. […]

leggi la recensione completa


Valeria Palumbo, teatro.persinsala.it

[…] Iperpremiato, il lavoro di Macmillian, Ogni Bellissima Cosa approda al Teatro Elfo Puccini di Milano, con la sua carica di umanità. Ma anche la sua originalità: tirar dentro il pubblico che si trova davvero a recitare (ma non vi sveliamo come), convincerlo che tutto ciò che è finto (il cane fatto con la giacca di uno spettatore, la macchina creata con uno sgabello, il pianoforte con una tastierina) sia incredibilmente vero e abbia la capacità di evocare luoghi e persone. […]

leggi la recensione completa


Angelica Orsi, milanoteatri.it

[…] Chiunque si trovi ad ascoltare il lunghissimo elenco di “Ogni bellissima cosa” non può resistere alla tentazione di redigere a mente una piccola lista personale, di aggiungere dei punti o modificarne altri, a dimostrazione del fatto che siano proprio le cose più semplici a dare un senso alla vita, come, appunto, un promemoria di tutto ciò che al mondo è meraviglioso, un atto banale, che, tuttavia, rivela l’istinto vitale dell’uomo, incapace di arrendersi davanti alle difficoltà e per natura teso a cercare sempre il bello dell’esistenza. […]

leggi la recensione completa


Gigi Giacobbe, sipario.it

[…] Gli autori raccontando la propria vita raccontano, forse la nostra e De Ruggeri giocando in questo modo ci coinvolge e ci fa ri-vivere teatralmente quello che sarebbe potuto capitare. Ad esempio scambiare il libro I dolori del giovane Werther di Goethe con uno che non t’invoglia a gettarti da un balcone, oppure giocare con un calzino e farlo diventare un cagnolino con cui dialogare […]

leggi la recensione completa


Clarissa Comunale, messinaora.it

[…] Carlo ci riporta al mistero della vita, ove non tutto può essere perfettamente spiegabile, e la fantasia diventa quel grande maestro capace di guidarci anche nei momenti bui. La musica, con il suo linguaggio universale, scandisce ogni momento importante: il jazz, il blues, la voce di Ray Charles o di Nina Simone, gli assoli di batteria con i campanacci, le canzoni al piano. […]

leggi la recensione completa


Giusi Arimatea, infomessina.it

[…] Bello che lo spettatore non abbia dovuto spiare dal buco della serratura la messinscena di una vita e che anzi sia stato chiamato a parteciparvi. Nessuna imbeccata per coglierne il senso più profondo. Del resto tutto era lì, a portata di mano. Bastava solo riconoscerlo. Magari chiudendo gli occhi su un incantevole assolo di batteria. E dimenticarti di sé. […]

leggi la recensione completa