La Repubblica Romana nei sonetti di Cesare Pascarella
progetto e regia Blas Roca Rey
con Blas Roca Rey
al pianoforte Rocco Roca Rey
Produzione Nutrimenti Terrestri 

su testi di Cesare Pascarella
“io sarò la voce, mio figlio Rocco la musica…” Uno spettacolo in cui si racconta della Roma del 1849 e della Repubblica Romana attraverso i sonetti del poeta Cesare Pascarella. In scena Blas Roca Rey accompagnato al pianoforte dal figlio Rocco Roca Rey.

Roma 1849
Nel 2019 ricorre il 170 anniversario della repubblica romana del 1849, pochi mesi nei quali Roma ed il suo popolo, guidati dal famoso triumvirato di Mazzini, Saffi e Armellini, crearono qualcosa di straordinario, resistendo in modo eroico all’assedio delle truppe francesi. Garibaldi, Mameli, Manara e tanti altri giovani accorsero da tutta Italia per tenere viva questa libertà ritrovata, questa meravigliosa utopia. In quei 180 giorni, tantissimi donne e uomini persero la vita regalando alla nostra storia delle pagine indimenticabili ed una costituzione di una modernità formidabile.
Cesare Pascarella, il grandissimo poeta romano, nella sua raccolta di poesie “Storia nostra”, attraverso una cinquantina di sonetti, ci racconta quei giorni incredibili: passione, eroismo, dolore, rabbia, entusiasmo e disperazione. Versi strazianti, potentissimi che ci raccontano cosa possono fare donne e uomini innamorati di un ideale. Blas Roca Rey, attore di teatro, cinema e televisione, si innamora di queste pagine di poesia e nasce l’idea di uno spettacolo.
Il risultato è un’ ora di emozione pura, nella quale musica e parole si mescolano dando vita ad una pagina, per l’appunto, di “Storia nostra”.


Galleria