(tra Buddy Cheese e l’uomo di burro. Due patiti del jazz)
Ninni Bruschetta e Antonio Caldarella
regia Ninni Bruschetta
con Maurizio Puglisi, Antonio Caldarella, Laura De Domenico, Annibale Pavone, Massimo Piparo
scene Maurizio Tricomi
musiche Fabio Blandini
grafica Mariella Bellantone
direzione tecnica Gigi Spedale
aiuto regia Patrizia Salerno
sceneggiatura e regia del video “GEORGIA ON MY MIND” – Francesco Calogero
foto di scena Michele Trimarchi

Si ringraziano Giovanna Giordano per la consulenza in conto alle arti figurative e Francesco Calogero per il suo prezioso contributo intellettuale alla stesura del testo ed all’attività generale del gruppo. Il dipinto di scena è di Mariella Bellantone.

produzione (1986)

Note di regia
“L’incredibile incontro” è una narrazione con la memoria dell’immagine. Ma è soprattutto narrazione non didascalica. Un immaginario americano letto con l’occhio di una cultura beckettiana; della riflessione e dell’attenzione al dramma del particolare. È un dialogo incompleto, quasi spezzato in gola, che rimanda all’immagine e all’emozione, una storia che tende ad oltrepassare se stessa, a proporre nuovi argomenti in ogni sua sfaccettatura. Nella poetica del gruppo il ritorno alla parola si inserisce in quest’ottica di coerenza con le scelte precedenti, legate all’estensibilità dell’interpretazione. 

La storia diventa un tratteggio pittorico dal quale si sviluppano energie e tensioni che si sganciano dall’immagine globale (iperrealista) per affermare e mantenere l’emozione della poesia. C’è come un “ricordo sepolto” della tragedia shakespeariana del “reale” e “apparente”. È un omaggio, traslato, a Win Wenders: all’eleganza delle confezioni formali in cui la fantasia colloca la realtà cruenta e straziante della parola rara e meditata.